13/08/00 : La scomparsa di Louis Nucera. Michel de Brébisson ha voluto far riprodurre la carta del Mondo scritta da uno degli amici di Louis

Rédigé par Enrico ALBERINI

Louis Nucera

La passione della letteratura, dell’amicizia e della bicicletta

Mercoledì 9 agosto, Louis Nucera è morto in bicicletta, investito da un automobilista, a Carros (Alpes-Maritimes), in quell’entroterra nizzardo che aveva così spesso percorso. La bicicletta era una delle sue passioni con la letteratura e l’amicizia. I suoi amici si sentono molto soli e molto abbandonati. Uno dei suoi migliori libri, il re René, ritraeva la carriera di René Vietto. Era uno dei modelli di Luigi, perché amava lo stile e il coraggio. Alla fine di ogni estate, gli chiedevo: “Hai pedalato bene? Quanti chilometri?” E la seconda domanda veniva subito: “Quante pagine?” Entrambi erano inseparabili, le prestazioni del “campione” e quelle dello scrittore.

Nato a Nizza il 17 luglio 1928, Luigi Nucera fu nutrito, in gioventù, dai ricordi della prima guerra mondiale. Egli ascoltava religiosamente le storie che i suoi zii raccontavano all’ora di cena. Questo rende i bambini molto riflessivi e molto sognatori. Il padre di Nucera morì nel 1933 e sua madre fu “improvvisamente invecchiata dall’irreparabile “. Questo tipo di frase riassume il modo di Luigi: scrittore molto classico, sapeva organizzare il complotto della grammatica e dell’emozione.

Dopo la scomparsa di suo padre, Louis Nucera fu costretto a guadagnarsi da vivere, diventando “telefonista” in una banca. Jean Giono aveva lavorato egli stesso in una filiale di quest’azienda. Era un ottimo presagio. Nucera fece poi del giornalismo. Questo gli permise di incontrare Joseph Kessel, Georges Brassens e Jean Cocteau. I suoi professori o i suoi padrini di letteratura. I suoi padrini magici. Il primo convinse Louis Nucera che la lingua francese era una sorta di “monastero” e che bisognava penetrarla con grande cautela. Il secondo ha dato lezioni di modestia e il terzo ha dato lezioni di educazione. Cocteau diceva, infatti, che bisognava cancellare dai suoi testi il dolore che si era preso per scriverli. Luigi Nucera ritenne i tre insegnamenti. Nei suoi romanzi (L’Ami, 1974; Avenue des Diables-Bleus, 1979; Chemin de la Lanterne, 1981; Le Kiosque à musique, 1984; La Chanson de Maria, 1989; Le Ruban rouge, 1991…), ha descritto con delicatezza il piccolo popolo della sua città, le piccole persone di cui era erede. Ma si chiedeva: perché “piccole”?

La cortesia della speranza

Il suo libro più bello è forse quello del 1994, I miei Porti di attracco. Egli fa, in qualche modo, il giro degli amici scomparsi. Due amanti delle passeggiate in bicicletta, Henry Miller e Vladimir Nabokov. Naturalmente vi si ritrovano Cocteau, Brassens e Kessel. Louis Nucera era un maestro nell’arte del ritratto. Diceva, per esempio, che “il volto di Kessel interpretava i movimenti del suo cuore, come il cielo e il mare disegnano i movimenti del tempo “. È una cosa molto bella.

Lo scorso inverno, Louis Nucera aveva raccolto le sue cronache dal 1994 al 1999 con il titolo “Una boccata d’aria fresca” (Le Cherche Midi, 2000). Vi si vedeva un uomo guidato dalla preoccupazione di ammirare, il desiderio di rendere giustizia alla bellezza delle cose come alla bellezza di alcuni esseri. Continuava l’inventario delle sue passioni e delle sue preferenze. Amava le persone delicate, la gentilezza della disperazione, la pittura degli stati d’animo, il tango, l’alchimia dei sentimenti, il XVIII arrondissement, i vecchi quartieri nizzardi, i paesaggi francesi… e gli insegnanti che trasmettono ai loro studenti del fondo della classe, vicino al radiatore, il gusto della lettura. Louis Nucera ha coinvolto i vincitori del Tour de France e i campioni della letteratura. Aveva letto molto, ma non mostrava la sua erudizione. Rimaneva una questione di cuore.

Le epoche sono fatte per essere denigrate brontolava Flaubert, quando era di cattivo umore. Louis Nucera avrebbe voluto smentire questo pessimismo, ma stava gettando uno sguardo moralista sul nostro mondo. E ciò che osservava era troppo spesso desolante. In effetti, come non arrabbiarsi quando i discorsi di qualche rocker o di qualche animatore televisivo rivestono più importanza delle parole degli scrittori? Mentre questi, per Nucera, erano “gli inviati della bellezza sulla terra”. Tuttavia, anche quando denuncia la fiera della vanità, le sue pagine trasudano la felicità di scrivere. Difensore e servitore della lingua francese, Louis Nucera aveva quello che si chiama stile, sia negli elogi che nei rimproveri. Di questi tempi non succede spesso.

François Bott

[Louis Nucera ha pubblicato il suo primo romanzo, L’ostinato, nel 1970 edito da Julliard. La maggior parte del suo lavoro è stato pubblicato poi da Grasset. Ha scritto numerosi articoli per “Il mondo dei libri” a partire dai primi anni ’80. Diversi premi sono venuti a coronare le sue opere:  premio letterario della Resistenza (1975) per Dora (Lattès), premio interalleato (1981) per Chemin de la Lanterne, grande premio di letteratura sportiva (1987) per i miei raggi di sole, premio Jacques Chardonne (1991) per il Ruban rosso. Infine, nel 1993, l’Accademia francese gli conferiva il suo grande premio di letteratura l’insieme della sua opera].